L’Europa della genialità

Dove non arriva la crisi, arriva la politica.
Sarebbe bello andare nel parlamento Europeo e dire: Quanti di voi hanno veramente lavorato, alzi la mano.
Non riesco ad immaginare una risposta più sincera di una semplice risata ed un “sta scherzando, vero?”.

Ma come possiamo essere degnamente rappresentati da gente che:
Non conosce il mondo del lavoro?
Che il loro stipendio minimo è cinque volte quello di un operaio comune?
Che la loro preoccupazione principale è il gioco dei voti?
ecc… ecc… ecc…

Noi non siamo degnamente rappresentati, al di là dell’Italia, proprio a livello Europeo. Posso citare la pesca come esempio, dato che tra qualche giorno, scadrà la deroga (31 maggio) per la pesca entro le tre miglia, oltre che arrivare ad utilizzare maglie più larghe per le reti.
Fin qui tutto bene e nonostante si stia parlando di mare, hanno fatto di tutta l’erba un fascio. Sì perché la nuova normativa non fa distinzioni: oceano o pozzanghera, tutto uguale.

Ovvio che il mediterraneo non è l’oceano Atlantico, per moltissimi motivi. Il primo, al di là delle dimensioni, è che ad un miglio dalla costa il fondale è molto basso, quindi la regolamentazione non cambia nulla. Ma in Italia, il prodotto ittico migliore arriva proprio dalla zona entro le tre miglia e sono molti i mercati ittici ad avere come prodotto principale, a volte il 90%, proprio quello entro le tre miglia.

Inoltre va considerato che i fondali, sono nettamente meno profondi di quello dell’Atlantico.

L’Europa si è mossa per salvare il pesce, ha ragione, ma quando nel 2002 ha chiesto che tutta la pesca nella comunità fosse regolata e finirla di sfruttare le zone, in Italia, molte aree, c’è stata una regolamentazione, rientrando nei parametri di Bruxelles, i pescatori hanno comunicato di essere in regola al Governo, ma quest’ultimo, sorpresa!, sembrerebbe non aver comunicato una mazza all’Unione, sino a qualche mese fa…

Bene! Sappiamo già che il dialogo manca a tutti i livelli. Il Ministro Galan si è messo in moto: a meno di una settimana dalla scadenza della proroga ed ha fatto una cosa che in Italia si usa spesso fare, quando non si hanno idee: “L’unità di crisi”.
Un pool di esperti al servizio del Governo pronti a lavorare giorno e notte (credici) per risolvere il problema (dubito entro i tempi utili).

La finalità è la seguente: lavorare per trovare soluzioni e stilare una lista…

La lista della spesa l’ha già fatta Lega Pesca e cioè un’associazione di categoria che conosce il problema, proponendo una bella lista di interventi da fare…

Rimaniamo in attesa a guardare che succede, oramai siamo abituati…

Pescatori! una soluzione c’è: Vincere al Superenalotto…

Annunci
Published in: on maggio 27, 2010 at 12:05 am  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://ilfolle.wordpress.com/2010/05/27/leuropa-della-genialita/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: